Carattere indiano blocca iPad, presto soluzione?

dodocool iPad

Diamo dunque il via anche a questa nuova settimana, che, di fatto, ci traghetterà direttamente dal mese di febbraio a quello di marzo. Molti di voi, comprensibilmente, in tale ottica sperano che presto possa iniziare la stagione primaverile, in modo da lasciarsi alle spalle la morsa del freddo e del gelo invernale. Per quanto concerne il settore della telefonia mobile gestito dalla grande azienda tecnologica statunitense Apple, finalmente, pare che stiamo cominciando a lasciarci alle spalle il momento particolarmente complicato che la casa di Cupertino ha attraversato nel primo scorcio del 2018. Ne abbiamo parlato fino alla nausea anche noi, in questo nostro piccolo spazio virtuale: l’erosione delle batterie e lo scandalo della obsolescenza programmata. Inoltre, negli ultimi giorni, sia iPhone che iPad hanno cominciato ad accusare una nuova, incredibile grana: quella del famigerato carattere indiano, capace di mandare in crash i dispositivi.

iPhone e iPad, infatti, hanno cominciato palesato questa clamorosa falla, a causa della quale, ricevendo in qualsiasi modo il suddetto carattere indiano, finiscono per bloccarsi inesorabilmente. Inutile dirlo, chiaramente questo problema è stato subito sfruttato, soprattutto dai più giovani, per fare degli scherzi a tutti i loro amici in possesso di un iPhone o di un iPad. Fortunatamente, però, sembra che la cosa sia in via di risoluzione da parte di Apple.

One Response to Carattere indiano blocca iPad, presto soluzione?

  1. […] azienda tecnologica statunitense Apple spera di poter finalmente mettersi alle spalle tutti i vari scandali e problemi che hanno caratterizzato questo primo scorcio del 2018. Tante grane che, ad ogni modo, hanno […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi