Cos’è iPad Pro? Non un… computer, secondo Apple

iPad Pro 2

Buongiorno e buon anno a tutti, cari amici che siete soliti seguire questo nostro piccolo spazietto virtuale. Siamo dunque giunti al primo di gennaio, e oggi abbracciamo un 2018 che, per quanto concerne il settore della telefonia mobile gestito dalla grande azienda tecnologica statunitense Apple, speriamo possa essere ricco di soddisfazioni. Nell’augurarvi, pertanto, di trascorrere una bella giornata, in compagnia dei vostri amici e delle persone care, vogliamo oggi tornare ad approfondire un argomento che, in qualche modo, relativamente ai tablet realizzati dalla casa di Cupertino, avevamo già aperto qualche tempo fa. Ci stiamo riferendo, chiaramente, ad uno degli spot più recenti per iPad Pro.

iPad Pro ha realizzato il proprio esordio sul mercato internazionale già alcuni mesi fa, e, pur se il campo dei tablet pare aver subito una certa flessione, questo dispositivo griffato dall’iconico frutto morsicato di Apple sta continuando a ritagliarsi degli spazietti piuttosto importanti. Tuttavia, la compagnia americana, di recente, con il suddetto video, si è anche attirata una serie di critiche.

Di seguito ve lo riproponiamo anche in lingua italiana, in modo che possiate giudicare da voi. In sostanza, l’intento di Apple era quello di porre iPad Pro in una posizione di differenza, o comunque di apparente superiorità, rispetto ad un più classico computer: da qui il titolo stesso dello spot, una domanda, “Cos’è un computer?” per l’appunto, ripresa anche alla fine.

In realtà, pur palesando una certa dimestichezza con il proprio iPad Pro, la ragazzina pare essersi praticamente isolata dal mondo esterno, tanto da interagire solo indirettamente con le persone che le stanno intorno. Un’interpretazione che, certamente, non è andata a genio a molti, che subito hanno riversato le proprie proteste contro Apple. E voi, come la pensate? Una semplice campagna di marketing sbagliata, quella intrapresa dal colosso di Cupertino? O è soltanto un’esagerazione da parte di alcuni? Fateci sapere la vostra, se vi va. E, di nuovo, buon 2018!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi