Greenpeace boccia gli iPad, male per obsolescenza

dodocool iPad

Nel corso della loro fin qui lunga e fortunata vita, gli apparecchi tecnologici realizzati dalla grande azienda statunitense Apple, senza dubbio, hanno sempre vissuto sotto la luce diretta dei riflettori. iPad o iPhone, sia che se ne parlasse con toni positivi che con toni negativi, hanno da sempre rappresentato il punto di riferimento per tutti, quando si parlava di tablet e di smartphone: d’altronde, proprio i device contrassegnati dall’iconica mela morsicata di Apple hanno rivoluzionato il mercato, consegnandoci i concetti stessi che oggi abbiamo, appunto, di un tablet o di uno smartphone.

Ma, fra i detrattori, si è adesso aggiunta anche Greenpeace. La nota organizzazione, che da sempre si batte per la salvaguardia dell’ambiente, si è scagliata ancora una volta contro il fenomeno della obsolescenza programmata, del quale proprio Apple, evidentemente, ha abusato in maniera particolare soprattutto nel corso di questi ultimi tempi.

E così, per Greenpeace, dietro la lavagna finiscono proprio gli iPad, specialmente gli ultimissimi modelli Pro. Secondo la nota associazione, infatti, dal punto di vista tecnologico, il metodo migliore per contrastare l’inquinamento e per ridurre lo spreco delle risorse è quello di realizzare dei device capaci di resistere nel tempo e facilmente riparabili.

In questo senso, gli iPad Pro hanno raggiunto un risultato a dir poco disastroso: un punteggio di appena 2, su una scala che va da 1 a 10. Un monito nei confronti di Apple, che pure era stata eletta dalla stessa Greenpeace come la compagnia tecnologica più verde del pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi