Spacciavano mattonelle per iPad: arrestati a Napoli

iPad Air 2

Oggigiorno, possedere un apparecchio tecnologico griffato Apple, è senza ombra di dubbio un sinonimo di grande prestigio. Il noto colosso statunitense, infatti, già da un paio di lustri ha rivoluzionato il mercato internazionale della telefonia mobile, tanto che strumenti come gli iPad e gli iPhone sono diventati ben presto ambitissimi dai più, anche per la loro importanza: si tratta, in fin dei conti, dei primissimi tablet e smartphone mai creati.

La compagnia rappresentata dall’iconica mela morsicata ha in questo modo gettato le basi per una nuova visione, tracciando un solco con il passato e ispirando la concorrenza. Ma ha anche prodotto, in modo chiaramente indiretto, un effetto negativo: le truffe e le contraffazioni di tali prodotti, infatti, sono all’ordine del giorno.

Uno degli ultimi esempi negativi, in questo senso, sfortunatamente trova sede proprio nella nostra Italia, più precisamente a Napoli. Due uomini, Enrico Calise (42 anni) e Francesco D’Alpino (61 anni), già aggravati da diversi precedenti penali, si appostavano infatti nei pressi del porto per vendere delle mattonelle spacciate per iPad.

Il metodo era piuttosto ingegnoso: i due truffatori, infatti, mostravano agli ignari acquirenti, perlopiù turisti provenienti dagli Stati Uniti o da altri paesi esteri, un iPad all’interno di una custodia. Dopo aver proposto loro il device ad un prezzo praticamente stracciato rispetto a quello di listino, rifilavano poi una custodia contenente una mattonella.

I poliziotti hanno fortunatamente ravvisato la truffa, e sono riusciti ad arrestare i due uomini prima che potessero scappare, dopo aver raggirato un turista statunitense con tale metodo.

2 Responses to Spacciavano mattonelle per iPad: arrestati a Napoli

  1. […] da qualche anno, ormai, gli iPad sono riusciti a conquistare un po’ tutti, sia tra gli appassionati del settore della tecnologia […]

  2. […] l’iconica mela morsicata di Apple. Un sistema operativo che ben presto ha conquistato anche gli iPad più recenti, e che col passare del tempo e con le varie revisioni, ha anche corretto vari piccoli […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi