Microsoft provoca a distanza Apple sugli iPad Pro

iPad Pro 2

Per quanto concerne il settore della tecnologia a livello mondiale, senza ombra di dubbio, i due maggiori rivali sono Microsoft ed Apple. I due grandi competitors americani, nel corso di questi ultimi anni, sono riusciti a contendersi delle importanti fette di mercato, introducendo smartphone, device, dispositivi, computer, tablet e quant’altro sempre più moderni, potenti e performanti. Il che, chiaramente, sovente ha dato vita anche a dei battibecchi a distanza, in molti casi pure parecchio aspri, come quello che sta prendendo corpo nel corso di queste ultime ore. E il protagonista, manco a dirlo, è il nuovissimo iPad Pro del colosso di Cupertino.

Come abbiamo avuto modo di documentarvi anche noi, infatti, in questi nostri piccoli spazi virtuali, Apple ha da poco lanciato i nuovi modelli di iPad Pro, mettendo in particolare l’accento sulla variante da 10.5 pollici.

Il che, evidentemente, deve aver causato una certa stizza nei confronti di Ryan Gavin, general manager della divisione Surface di Microsoft, secondo il quale evidentemente gli iPad Pro sarebbero una risposta diretta proprio ai terminali rivali di Apple.

“Quando abbiamo lanciato i Surface erano tutti scettici”, ha dichiarato Gavin, “a cominciare dai dirigenti di Apple. Poi invece se ne sono innamorati, e hanno voluto proporlo sotto il loro marchio lanciando l’ iPad Pro.”

Risposta in arrivo da parte della compagnia di Cupertino?

One Response to Microsoft provoca a distanza Apple sugli iPad Pro

  1. […] sotto la luce diretta dei riflettori. iPad o iPhone, sia che se ne parlasse con toni positivi che con toni negativi, hanno da sempre rappresentato il punto di riferimento per tutti, quando si parlava di tablet e di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi