La sentenza dei pediatri: iPad può causare problemi a bambini

iPad Mini 5

Si può dire che siamo ormai al giro di boa di questo mese di maggio, che presto dovrebbe riservare delle importanti sorprese per quel che concerne il settore dei tablet gestito dalla grande azienda tecnologica statunitense Apple. Il gigante di Cupertino, benché stia attraversando un momento non particolarmente felice dal punto di vista delle vendite dei propri iPhone e iPad (ma i ricavi, come abbiamo avuto modo di vedere, in realtà risultano essere in rialzo), prosegue comunque nella propria strada, lavorando in particolar modo per lo smartphone che esordirà presso i nostri mercati tra la prossima stagione estiva e quella autunnale. E, tuttavia, all’orizzonte iniziano ad insorgere dei problemi nuovi.

Apple, infatti, sta finendo nell’occhio del ciclone a causa di alcune ricerche condotte da alcuni esperti canadesi, e presentate presso la Pediatric Academic Societies Meeting 2017. Al banco degli imputati, manco a dirlo, finisce proprio l’ iPad, che stando ai risultati ottenuti da queste ricerche potrebbero essere la causa di alcuni problemi nei confronti degli infanti.

Un utilizzo eccessivo dell’ iPad, infatti, in particolar modo nei soggetti di età compresa tra i sei mesi e i due anni, potrebbe portare dei disturbi nel linguaggio. La ricerca, stimata su un campione di 900 soggetti, ha evidenziato come coloro che facevano giornalmente un utilizzo del tablet superiore ai 30 minuti, palesavano maggiori difficoltà nell’esprimersi e nell’apprendere il linguaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi