Ecco perché iPad non ha problema rallentamento

iPad Mini 5

Siamo praticamente entrati nell’ultima settimana di questo mese di gennaio, che, come abbiamo avuto modo di vedere, per quel che concerne il settore della telefonia mobile gestito dalla grande azienda tecnologica statunitense Apple, è stato a dir poco terribile. Il colosso americano, infatti, si è trovato costretto a far fronte a tutta una serie di grossi problemi, fra i quali il più rilevante, senza ombra di dubbio, è stato quello del famigerato rallentamento degli iPhone: un calo prestazionale “dettato” da Apple stessa, ma inizialmente taciuto. E, inutile dire, una volta ammessa la cosa, la casa di Cupertino è stata subissata da critiche estremamente negative. E, chiaramente, alcuni si sono anche chiesti che cosa sarebbe accaduto sugli iPad.

Gli iPad, fortunatamente, come vi abbiamo anticipato anche qualche giorno fa, non dovrebbero risentire di questa grossa grana. La motivazione sarebbe da ricondurre alla batteria stessa. Difatti, gli iPhone hanno in dotazione una batteria decisamente piccola e poco capiente, la quale, dopo un normale periodo di usura, non è più in grado di fornire al sistema la carica energetica della quale avrebbe bisogno: ciò causerebbe spegnimenti e arresti improvvisi, pertanto Apple ha deciso di ricorrere alla drastica soluzione.

Ma la cosa non si applica sugli iPad, che, di per sé, vantano una batteria molto più grande dei “fratelli minori”, e, dunque, molto più resistente dal punto di vista dell’autonomia. E ciò, chiaramente, significa che il suo decadimento fisiologico avverrebbe in tempi molto più lunghi, quando però gli apparecchi sarebbero praticamente obsoleti. Insomma, se avete un tablet griffato dall’iconico frutto morsicato, dovreste poter dormire sonni tranquilli.

7 Responses to Ecco perché iPad non ha problema rallentamento

  1. […] alquanto problematica, e caratterizzata da molteplici grane. Il campo del tablet, invece, è stato molto più tranquillo, e, anzi, ci sono state anche delle novità piuttosto interessanti. Non a caso, nelle scorse ore, […]

  2. […] Se, infatti, generalmente si critica molto la scuola italiana, considerata obsoleta e non all’avanguardia, diversamente dalla situazione europea, la Scuola Secondaria di Primo Grado Riccardo Monterisi, sita a Bisceglie, in Puglia, ha inaugurato un nuovissimo progetto, in vista dell’anno scolastico 2018-2019 (che, quindi, partirà dal prossimo settembre), che riguarderà da vicino anche gli iPad. i celebri tablet di casa Apple. […]

  3. […] di grane tra le più disparate, tra le quali, inevitabilmente, è spiccata quella dei cosiddetti rallentamenti programmati degli iPhone. Una situazione, tuttavia, decisamente più edificante sul fronte tablet, con gli iPad che, proprio […]

  4. […] virtuale, è senza ombra di dubbio il nostro argomento di discussione preferito: l’ iPad, celebre tablet contrassegnato dall’iconico frutto morsicato di Apple. Il noto colosso tecnologico statunitense, […]

  5. […] grana che, fortunatamente, come abbiamo avuto modo di approfondire con voi nelle scorse settimane, non vedrà coinvolto anche il settore dei tablet, e quindi chi possiede un iPad può dormire sonni tranquilli. Tuttavia, è indubbio che le cose non […]

  6. […] la casa di Cupertino, e che, chiaramente, riguarda la famigerata questione delle batterie e dell’obsolescenza programmata dell’ iPhone. Una grana particolarmente grave, e sulla quale, come abbiamo avuto modo di vedere, le stesse […]

  7. […] casa di Cupertino, effettivamente, ha dovuto far fronte a diverse grane, come quella dei famigerati rallentamenti programmati degli iPhone. Una questione che conosciamo fin troppo bene, e che anche noi, in questo nostro piccolo spazio […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi