Prossimi iPad avranno Touch ID sul “didietro”?!

iPad Mini 5

E torniamo ancora una volta, manco a dirlo, a discutere dei nuovi iPad prodotti dalla nota azienda tecnologica statunitense Apple, la cui uscita rimane tuttavia ancora avvolta nel mistero. I tablet, a livello mondiale, stanno ormai accusando una sorta di crisi di identità (oltre che di vendite) piuttosto marcata, e in questo senso la casa di Cupertino pare stia agendo con i piedi di piombo per evitare di commettere passi falsi. Tuttavia, gli iPad Pro 2, che in qualche modo tenteranno di dare continuità alla fortunata gamma Pro, entro i prossimi mesi dovrebbero effettivamente esordire sul mercato, implementando una serie di caratteristiche e di novità che dovranno essere per forza di cose piuttosto importanti.

Ecco perché in molti hanno storto il naso, quando si è paventata la possibilità che il Touch ID dei nuovi iPad Pro venga posto sulla parte posteriore dell’apparecchio. Poiché, infatti, Apple sta tentando di realizzare dei device all screen, in risposta all’infinity display architettato dal rivale Samsung, sembrava parecchio difficile che il lettore di impronte digitali venisse posto proprio al di sotto dello schermo. Non a caso, infatti, il colosso sudcoreano ha spostato questo sensore sulla scocca posteriore del Samsung Galaxy S8, mossa che molti hanno criticato per la grande scomodità.

Dunque, alcuni addetti ai lavori sostengono che Apple potrebbe fare la stessa cosa, e che il Touch ID degli iPad Pro di nuova generazione possa finire sul retro degli stessi. Ma se la cosa, di per sé, risulta già poco efficiente su un apparecchio relativamente piccolo come uno smartphone, figuriamoci cosa potrebbe accadere su un tablet, le cui dimensioni sono certamente più notevoli.

Nelle ultime giornate, tuttavia, alcuni esperti, riprendendo voci interne al gigante di Cupertino, hanno tenuto a smentire categoricamente questa indiscrezione, rivelando che, invece, alle fine Apple riuscirà comunque a mantenere il Touch ID sotto il display. Nei prossimi mesi scopriremo quanto ci sia di vero in tutto ciò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi